Frutti di Bosco · gelati e granite · Merenda

Granita alle More (Senza Gelatiera)

Non so se vi ricordate, ma l’anno scorso con la ricetta della Confettura di More al Cioccolato Bianco, vi spiegavo quale fosse il mio principale ostacolo nella raccolta estiva delle more selvatiche: i pensionati! Loro sanno sempre quando le more sono pronte per essere raccolte, e nel giro di mezza giornata le fanno sparire tutte!
Per me è diventata una questione di principio e quasi una lotta contro il tempo.
Anch’io voglio la mia porzione annua di more e voi anziani, che sembrate tanto pacati, ma andate in giro armati di cesoia, non me la ruberete.
Così ho iniziato a Luglio a fare le prime spedizioni nei parchi, catalogando ogni cespuglio e controllando il colore delle bacche, per essere sicura di quando raccogliere le più mature e succose. Ma una mattina il mio compagno (che da oggi chiameremo Mr.S.) mentre stava lavorando mi telefona:

“Sono usciti! Sono Usciti! Si dirigono verso il parco!”

“Così presto? Non è ancora Agosto?!” ho pensato io, ma presa dalla foga mi sono munita di guanti da giardinaggio, sacchettone di plastica e sono corsa al parco nel campone dove avevo già adocchiato una lunghissima distesa di rovi.
Eccola la, la Sciura che “timidamente” (ma non ingannava di certo me) iniziava a speluccare i cespugli. Sono corsa dalla parte opposta e ho iniziato a raccogliere tutto quello che riuscivo, a più non posso. Lei con la sua finta lentenzza, ma meticolosità chirurgica, io come una macchina raccoglie-more impazzita.
Riempito il mio sacco stavo tornando a casa con aria trionfale, ma avvicinandomi a lei mi sono accorta che non ne aveva raccolte poi così tante. Guardo il mio bottino e mi rendo conto che sì avevo raccolto tantissime more, ma che la maggior parte, nonostante il colore scuro, non erano ancora del tutto mature e ancora asprine. Credo di aver sentito anche una risatina alle mie spalle. Maledizione mi avete fregato anche quest’anno!

Così ho congelato tutte le more, dubbiosa su come poterle usare dato il sapore. Avrei dovuto sicuramente zuccherarle e una parte ne avrei fatto una confettura, ma ve l’avevo già proposta e volevo prepararvi qualcosa di nuovo. Così hanno atteso in congelatore finché non ho iniziato a preparare le Brioches col Tuppo. E mentre impastavo pensavo: “Certo che se potessi fare colazione con queste brioches e una bella granita come quella siciliana”… Ed ecco l’illuminazione! Perché non preparare una fresca Granita alle More da gustare insieme alle Brioches? La combinazione perfetta!

Io non ho la gelatiera, quindi uso il metodo della forchetta (ci si ingegna come si può), ma il risultato finale è perfetto. Seguendo la ricetta la granita vi verrà cremosa, senza cristalli di ghiaccio e veramente simile a quelle che potete gustare in Sicilia. Siete curiosi? Allora iniziamo la preparazione!

granitamore


Ingredienti:
500gr di More (Fresche o Surgelate)
400ml di Acqua
350/300gr di Zucchero semolato
2 Cucchiaini di Farina di Carrube*

*La farina di carrube è un addensante e vi aiuterà a non far cristallizzare la granita. Se non la utilizzate fate attenzione ai tempi di congelamento che saranno più brevi. La potete trovare nei supermercati bio.


  • In un pentolino mettete lo zucchero, la farina di carrube e l’acqua. Accendete il fuoco e portate a bollore. Per evitare che lo zucchero cristallizzi, non mescolatelo con il cucchiaio, lasciate che si sciolga da solo. Continuate cuocere per qualche minuto ancora, finché non avrete uno sciroppo vischioso e chiaro.
  • Mettete le more (anche quelle surgelate) nel pentolino e mischiatele qualche secondo con lo sciroppo.
  • Versate il tutto in un frullatore e frullate bene. (Lo so che ha un colore bellissimo ed è così invitante ma non bevetevelo! Vi ricordo che ci serve per la granita! 😆 )
  • Disponete su una ciotola un setaccio a maglie strette e versatevi le more frullate con lo sciroppo. Con l’aiuto di una spatola setacciate il succo per togliere i semi. Dato che a me piace comunque con qualche semino, ne ho rimessi un cucchiaio di quelli setacciati, in modo che abbia quel non so che di rustico, ma che non siano fastidiosi.

granitamoreprocedimento.jpg

  • Versate il vostro preparato per granita in un contenitore adatto per il congelatore o in una teglia rettangolare. Secondo me lo stampo da plumcake è perfetto.
  • Date alla granita una bella mescolata con una frusta a mano, in modo da formare un po’ di bollicine e riponetela in congelatore.
  • Ogni 45 minuti tirate fuori la granita e con una forchetta rompete tutti i cristalli di ghiaccio e rimettete in congelatore. Dovrete ripetere questo procedimento finché non si sarà congelata e se siete stati diligenti e avete rotto i cristalli di ghiaccio ogni 45 minuti risulterà facile da raschiare e di una consistenza cremosa. Se notate che si è indurita troppo lasciatela scongelare per 15 minuti e poi ripassatela con la forchetta.

granitamoreprocedimento2.jpg

  • Prima di servirla passatela ancora una volta con la forchetta e infine con un cucchiaio servi gelato mettetela in un bicchiere. Se vi va guarnendola con qualche mora

granitamore2

Questa granita è veramente perfetta per la stagione, da gustare a fine cena o per colazione accompagnata, naturalmente, dalla sua compagna Brioche col Tuppo. Chiudete gli occhi e immaginatevi la scena. Prendete la soffice Brioche e con le dita staccatele i tuppo. Ora immergetelo nella granita e assaggiate…..Vi ho fatto un po’ sognare? Se cliccate sulla foto qui sotto potete realizzare questo vostro piccolo momento di felicità!

briocheegranita

Annunci

10 risposte a "Granita alle More (Senza Gelatiera)"

  1. Gli anziani fingono di non avere un tubo da fare tutto il giorno (lamentandosi però ampiamente di non avere un attimo di tempo) e poi li trovi lì, a rubacchiare frutta o in coda alle 7 del mattino per fare le analisi del sangue….
    La ricordo questa granita nell’articolo delle brioche, è favolosa anche solo per il colore pazzesco e la cremosità che ha, tiè vecchietta che ti sei fregata le more mature e hai dovuto mangiarle subito senza creatività!

    Piace a 1 persona

    1. Oppure tutti al supermercato il sabato mattina (cavoli con tutti i giorni della settimana che avete!) a passarti il carrello sui piedi per pesare la frutta prima di te…. Ormai è una battaglia aperta 😆loro mi fregano sull’esperienza, ma io mi vendico con un po’ di ingegno. Anche se poi ho i miei di nonni che fanno la razzia di more…ma almeno loro mi producono marmellata per tutto l’anno!! 😁

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.